GIANCARLO  GORI 

  

ATTORE - REGISTA - AUTORE

1969-70 - Scuola di teatro  D. Cei (Firenze)

1975 – Stage  di  Eugenio Barba (Odin Theatret)

1985 – Diploma  regia  e ripresa cinematografica e televisiva  (Acon)

 

 

    Attore di prosa dal 1970, ha partecipato come protagonista  e  co-protagonista ad oltre  novanta titoli teatrali. E ha firmato più di cento regie teatrali. Ha lavorato con i registi: G.L.Radice, R.Giovampietro, R. Reim, F.Enriquez, B.Mazzali, P.Maccarinelli, P.Paoloni, R.Marcucci,  M.Masini, N. Sanchini, N. De Tollis.

Alcuni degli spettacoli interpretati fino al 1990 sono di: W.Shakespeare (Sogno di una notte di mezza estate), L.Apuleio (Processo per magia), O. Wilde (L’importanza di essere Ernesto), G.Lorca (Mariana Pineda), G.B.Croce (La Farinella), C.Goldoni (La locandiera), Parker  (Il Cardinale), A.Mozart (Il flauto magico), D.Thomas (Under milk wood),G.B.Gelli (La sporta), T.M.Plauto (I Menecmi), E.Vittorini (Uomini e no), Puskin (Mozart e Salieri), N.Gogol (Diario di un pazzo)

Nel 1978  è stato uno dei primi a rinverdire la moda del monologo con lo spettacolo di Dylan Thomas “Under milk wood” (Sotto il bosco di latte), sua anche la regia.

Nel 1990 crea la compagnia Artemide Verde, di cui è direttore artistico.

Nel 1997 fonda il Premio P.M. Rosso di San Secondo per la drammaturgia inedita.

 

PREMI e RICONOSCIMENTI

"Schegge d'Autore" 2003 - Festival della drammaturgia IV Ed.  Segnalazione testo  Automi giacobini

"Schegge d'Autore" 2014 - Festival della drammaturgia italiana XIV Ed. :    PREMIO AL MIGLIOR ATTORE.

Premio Lily Brogi - 2015   Sez. Poesia e Religione  al romanzo  La sentenza di Marco Aurelio

"Schegge d'autore"  XVI ED . 2016       PREMIO ALLA DRAMMATURGIA

"Schegge d'Autore" 2018- Festival della drammaturgia italiana XVII Ed. :    PREMIO AL MIGLIOR ATTORE

 

I suoi testi rappresentati Spadaro le fantasist (1990); Pucciniana (1994);  Paganini/Faust (1995); Giacomo del pensiero (1997); L’uxoricida (1997);  A lume di naso (1999);  Automi giacobini ( 2001); Dialoghi con Michelangelo (2001);  Rock e i diavoli (2005); Gemma Donati ( 2010);  Pirandello mon amour (2012);  Cuori sdoppiati  (2015)   e gli adattamenti da testi  di autori classici e contemporanei: Apoteosi di Claudio( da Seneca)(2003)); Satyricon ( da Petronio)(2006); L’asino d’oro (da Apuleio)(2005); Processo ad Apuleio mago ( da Apuleio) (2007); Ricordi di Marco Aurelio (2008);  La congiura di Catilina (2009); Il pensiero di L. Andreew ( 2013)   tutti rappresentati dalla Compagnia Artemide verde.

La sua attività è documentata in tutte le edizioni del “Teatro in Italia” dal 1976 al 2002.

 

Ha scritto il romanzo noire storico : LA SENTENZA DI MARCO AURELIO   ed. Del Bucchia ,2012.    ( Vincitore del Premio Lilly Brogi  2015  Sez.Poesia e Religione))

 Un noire storico ambientato nella Roma

 imperiale di Marco Aurelio e Commodo,

 con un' indimenticabile protagonista che

 si erge a difensore dei cristiani. 

 

 

e  il romanzo:  FLAMENCOROC  ed.Youcanprint ,2015

 

 La storia di un giovane  fiorentino,  che sul finire degli anni '60, decide di
 andare in Spagna per diventare ballerino di flamenco. Un racconto tragicomico e
 surreale che inizia a Firenze e prosegue in Andalusia. Il protagonista si trova
 catapultato in una società arcaica, e  in un paesino  della provincia di Granada, 

 entra nel mondo affascinante dei gitani e del flamenco. Al suo ritorno sarà un vero

 bailaor di flamenco ma soprattutto avrà preso coscienza di se stesso.

 

Gli spettacoli più importanti interpretati e diretti   dal 1990 al 2013:

1991  Spadaro  di G. Gori   -   1992  Il servitore di due padroni  di C. Goldoni  -   1993  Canicola -  Musica di foglie morte  di P.M. Rosso di San Secondo  -  1994 Pucciniana   di G.Gori   -  1995   Il violino del diavolo  di G. Gori   -  1996   La passione di Gesù   di Jacopone da Todi e altri  -  1997  L’uxoricida    di G. Gori      1998  Giacomo del pensiero   da G. Leopardi    -   1999  Marionette, che passione!    di P.M. Rosso di San Secondo   -   2000  Verso Damasco ( Till Damaskus)   di A. Strindberg   -   2000  Medea nera   di Hans  Henny Jahnn   -    2001 Dialoghi con Michelangelo  -    2003  Apoteosi di Claudio (Apocolokintosys)   di L.A. Seneca  -     2003 Automi Giacobini   di G. Gori  (testo segnalato alla III rassegna “Schegge d’autore” e pubblicato nell’Antologia di Corti teatrali  “Il meglio di schegge d’autore”, Ed.Pagine, 2010)      2004  A lume di naso   di G.Gori   -   2004 Rock e i diavoli    da D.Thomas   -   2005  L’Asino d’oro   di Apuleio  -   2006 Satyricon    di Petronio  -  2007  De Magia (Processo ad Apuleio mago)  2007  Anna Magnani racconta il varietà -   2008  Ricordi di Marco Aurelio imperatore filosofo  - 2009    La congiura di Catilina -  2011 La Cortigiana di P.Aretino -  2012  Il Pensiero  di L.Andreew - 2013  Edipus di G.Testori - 2015  Cuori sdoppiati  di G.Gori -

Ha ideato e diretto Rassegne di teatro e musica: Teatro al Parco (Lido di Camaiore), Roma Antiqua (Rm), Theatrum al Teatro (Rm)

Le  REGIE   teatrali

1979  Sotto il bosco di latte  (monologo)     di Dylan Thomas

1980  Doppia faccia  (monologo)     Autori vari (cabaret)

1990  Spadaro     di Giancarlo Gori

1990  Pinocchio    da  Collodi

1992  Il servitore di due padroni      di C. Goldoni

1993  Canicola - Musica di foglie morte       di P.M.  Rosso di San Secondo

1994  Pucciniana       di Giancarlo Gori

1994  Il violino del diavolo       di Giancarlo Gori

1996  La Passione  di Gesù      da Jacopone da Todi  e  altri

1997  L’uxoricida     di Giancarlo Gori

1998  La locandiera    di C. Goldoni

1998  Giacomo del pensiero      di G. Gori da Giacomo Leopardi

1999  Marionette, che passione !..       di P.M. Rosso di San Secondo

2000  Verso Damasco       di August Strindberg

2000  Christus       da Vari autori

2000  I  Menecmi      di T.M.Plauto

2000  Medea  nera      di Henny Jahn

2001  Dialoghi con Michelangelo      di G.Gori  da Buonarroti - Vasari

2001  Anna Magnani     di  A. Meffrè

2002  La cantatrice calva      di E. Ionesco

2003  Apoteosi di Claudio       di G.Gori da L.A.Seneca

2003  Automi  Giacobini         di Giancarlo Gori

2003  A lume di naso  (monologo)        di Giancarlo Gori

2004  Rock  e i diavoli        di Dylan Thomas

2005  L’Asino d’oro       di G.Gori da Apuleio

2005  Ubu Re      di Alfred Jarry

2006  Satyricon      di G.Gori da Petronio

2007  De Magia  (Processo ad Apuleio mago)      di G.Gori da Apuleio

2008  Ricordi di Marco Aurelio  (La sentenza)   di G.Gori da Marco Aurelio

2009   La congiura di Catilina      di Giancarlo Gori

2010  Satyricon in commedia       da Petronio

2010  Gemma Donati vedova Alighieri     di Giancarlo Gori

2011  La Cortigiana      di Pietro Aretino

2012  Il Pensiero       di Leonid Andreew

2013  Pirandello  mon amour       da Luigi Pirandello

2013  Edipus  (monologo)     di Giovanni Testori

2014  Affetti collaterali  ( one man show)   di Giancarlo Gori

2015  Cuori sdoppiati  di Giancarlo Gori

2018  Maschera nuda  di Giancarlo Gori

        

 

Inoltre, ha allestito  75  regie  per i  Saggi finali degli allievi dei corsi di teatro “Facciamo teatro” e “Musica della parola” da lui tenuti  presso varie scuole statali e private di Roma e Provincia dal 1997 al 2012.

 

CINEMA   TELEVISIONE  e  RADIO

2018 - Inattesa presenza   Regia  Giancarlo  Gori  (lungometraggio)

2009 - Verdetto finale (Rai Uno)

2008 – Romanzo criminale    Regia Stefano  Sollima   (Mediaset e Sky)

2007 - Due cuori e un delitto  (RAI)  regia D. Marenco

2001-  La squadra 3  (RAI)

1989– Un grande vuoto   regia  F. Lusini  (Lungometraggio)

1984– Elogio della pazzia    regia  Roberto  Aguirre

1982 - Di tutti i colori    regia  P. Boi

1981 - Andrea   (sceneggiato radiofonico  Rai- Napoli)

1979 – Paura nella città dei morti viventi    regia Lucio Fulci

1979– Sereno variabile  regia L. Costantini  (RAI)

1979– Eroina   di R. Ragazzi (RAI)

1973– Quando  i  califfi  avevano le corna   regia  Amasi Damiani

Ha partecipato a trsmissioni  e sceneggiati radiofonici.

 

SCENEGGIATURE

Un grande vuoto (Utrillo)  ( 1987)

Coktail's stories ( 1991)

Viareggio  1920  ( dal romanzo di A.Genovali)  ( 2013)

Flamencoroc ( 2016)

Inattesa  presenza   ( 2017)

Hologram (2018)

 

LABORATORI TEATRALI

I.C. E.Q.Visconti   -  Roma   dal 1997  al  2012 

 

OPERE  Teatrali e Letterarie  di Giancarlo  Gori

Ø Antoine-  Pierrot - commedia- (1976)

La vita grama di una compagnia di guitti che si trova nel pieno della Rivoluzione  francese e solo grazie ad un ragazzo muto, vestito da Pierrot, riesce a salvarsi dai pericoli della rivoluzione, e  ad inventare  una nuova maschera e un nuovo genere di teatro.

Ø  Doppia faccia  -  monologo (1981)

Ugo Cubattoli  vuol diventare un divo televisivo e si reca ad un provino. Nello studio televisivo,  una voce che viene  dall'alto gli fa domande e sonda le sue capacità. Da qui, una serie di equivoci   e doppi sensi in cui  cade lo sventurato aspirante divo. Una anticipazione dei tolk show come X factor  o the Voice.

Ø A lume di naso -  monologo (1987)

Un disgraziato dal naso sproporzionato  si sottopone ad una operazione di  rinoplastica. Ma dopo non riconosce più se stesso e impazzisce.

Ha perso la sua personalità e rivuole il suo naso. Da qui il racconto delle sue peripezie  tutte  basate sulle  allusioni e doppi sensi sul naso.

Ø  Utrillo.  (Sceneggiatura cinematografica) (1987)  cortometraggio

La vita del pittore Maurice Utrillo e di  sua madre Suzanne Valadon.

Ø  Pinocchio, vostro devotissimo  burattino - commedia-( 1990)

Un Pinocchio rivisitato dove sono protagonisti alcuni burattini.

Ø  Spadaro - Con un paglia di Firenze sulle ventitré - commedia musicale- (1991)

Odoardo Spadaro, da giovane attore inesperto  a grande chansonnier. In  questa commedia musicale,  si racconta la parabola artistica di questo attore -fantasista - cantautore,  che  la  nostalgia per Firenze e  l'Italia, da  grande artista parigino e internazionale, lo fa tornare a vivere in  una  dimensione  regionale.

Ø  Pucciniana  - azione teatrale -  (1994

E' un viaggio attraverso la vita e la musica di Giacomo Puccini.  Siamo aTorre del Lago, nello studio del maestro, il giorno prima   della sua partenzaper il Belgio, dove dovrà essere operato alla gola.  Il compositore staultimando Turandot e vorrebbe terminarla  prima  di partire temendo che lapartitura dell'opera possa rimanere incompiuta.. Compare un personaggio oniricoed inizia un viaggio a ritroso nel tempo attraverso episodi, ricordi esensazioni: il mondo emotivo del musicista prende forma e si concretizza neipersonaggi delle sue opere. La Musa  della musica (nella quale si intravede la figuradella moglie Elvira) non potrà aiutarlo a concludere la sua ultima opera,perché le leggi della Natura sono  più forti di quelle dell'Arte: egli dunquemorrà quando Liù morrà sulla scena,  e sarà la sua anima  invendicata a condurloverso il silenzio e il mistero della  musica incompiuta.

Ø  Arlecchino  story - commedia -  (1994)

Un testo di Commedia dell'Arte che vede  riproposta la figura di Arlecchino in lazzi e scenette che ne raccontano la  storia.

Ø  Paganini /Faust Burlesque ovvero Il violino del diavolo

     (coautore Anna Alegiani)  - dramma - (1995)

In questo spettacolo, partendo dalle leggende e dicerie intorno alla figura del diabolico musicista, Niccolò Paganini è

immaginato come il Faust della musica, che ha venduto la sua anima a Mefistofele per poter possedere, con il famoso

violino Guarneri del Gesù, anche tutti i suoni dell'universo. Ma il patto stipulato con Mefistofele, dopo tanti anni, sta per

essere infranto, poiché  l'anima del maestro, ormai stanco e malato, dopo una vita spesa ad inseguire amori, successi

e denaro, ha cominciato a cedere a quelli che sono i richiami dei sentimenti veri e delle opere per il bene altrui.

E Mefistofele è venuto a riprendersi ciò che è suo.

Ø  Uxoricida  (L') - dramma -  (1997)

Il Principe Alessandro Orsini  uccide insieme  a  dei  sicari  la moglie, per motivi politici (pensava che fosse una spia al  servizio dei francesi). Lui poi, si difende in un processo ma viene condannato al carcere e rinchiuso in Castel Sant'angelo.  Dopo un periodo di tempo esce, sposa un'altra donna  e torna  nel suo palazzo  di Amatrice. Ma  il fantasma di sua moglie comincia a tormentarlo e lentamente lo porta alla follia.

Ø Giacomo  del pensiero o Infinito presente (L'). (coautore Anna Alegiani)

    - teatro  documento - ( 1998)

Sono trattati gli  ultimi giorni di vita del Leopardi, attraverso tutte le sue opere, in  chiave   diversa, perché il poeta è visto  nel suo rapporto con i giovani. Musiche di P.Mascagni e A.Baglioni.

Ø  Michelangelo Buonarroti. (da scritti di M. Buonarroti, Francesco  De Hollanda,

    Giorgio Vasari)  - teatro documento - (2001)

Lo spettacolo ha la peculiarità di mostrare non solo MichelangeloBuonarroti in tutta la sua grandezza di artista,  con gli occhi   rivolti alfuturo e alla realizzazione di grandi opere, ma anche un uomo attaccato allepiccole cose,  alla sua città, tormentato dai  parenti e dagli invidiosi, semprein procinto di iniziare qualcosa di nuovo.  E assillato da un pensiero fisso:quello di concludere la Sepoltura di Papa Giulio II. Un uomo ed un artistasempre  alla ricerca della bellezza, sia nell'arte che nella vita e con un solo  grande amore, quello per Vittoria Colonna.  Un Buonarroti quindi diverso daquello proposto dalla sua immagine corrucciata e dai

luoghi comuni.

Ø  Apoteosi di Claudio. - commedia satirica - (2003)    da Seneca

Il  protagonista della vicenda è l'Imperatore Claudio, messo alla berlina senza pietà e presentato in una luce irrevocabilmente negativa,  sotto ogni punto di vista: politico, morale, fisico e maniacale. La vicenda, dopo un prologo che è parodia di quelli delle opere storiografiche, narra gli ultimi istanti di vita  dell'Imperatore Claudio, della sua morte e dell'arrivo fra gli Dei, dove la sua venuta crea un enorme scompiglio, per il suo aspetto impressionante, che mette paura perfino ad Ercole. Dopo una discussione animata, gli Dei decidono di espellere il nuovo venuto, e lo consegnano a Mercurio perché lo accompagni negli Inferi. Qui, viene condannato da un Tribunale di uomini e donne da lui  condannati a morte. Ed ecco la definitiva condanna di Claudio, obbligato a giocare eternamente a dadi con un bussolotto bucato, poi proposto alle istruttorie, come contrappasso della sua passione terrena per i processi.

Ø  Asino  d'oro (L'). (dall'omonima opera di Lucio Apuleio) - commedia -( 2005)

Il capolavoro di Apuleio "L'Asino d'oro" narra, in uno stile vivace e personale, le vicende di Lucio mutato in asino per opera di magia: mangiando foglie di rosa potrà tornare uomo, ma nel frattempo passerà per mille  avventure di ogni genere. Nel suo tragicomico viaggio, s'incontrano personaggi coloratissimi e bizzarri che si muovono in un mondo assai lontano, ma simile al nostro in modo sconcertante.

Si fa così la conoscenza con una maga ricca, pitocca ed egoista fino al ridicolo, con un bandito filosofo, con dei sacerdoti fasulli, con un'angelica mugnaia che sembra l'inventrice dell'ipocrisia, e altri vivaci personaggi che contribuiscono a cospargere la strada di Lucio  di sassi e spine, ma ne fanno anche la via della conoscenza.

Ø  Automi giacobini   - dramma - (2005)      ( testo segnalato al concorso "Schegge  d'autore)

Robespierre decide di festeggiare il nove Termidoro con unarappresentazione.  Fa costruire da un artigiano gli automi di  Luigi XVI e diDanton. Quando si reca  nel laboratorio dell'artigiano per vederli, inizia undialogo  con i due automi sul potere, la libertà e l'opportunità dellarivoluzione. Dopo il dialogo, Robespierre capisce che il suo tempo politico staper scadere.

Ø  Giovanna  la Pazza  - dramma - (2006)

Attraverso intrighi di palazzo,  si dipana la vicenda di Giovanna D'Angiò,  che vive un amore  contrastato che la porterà alla pazzia.

Ø  Satyricon  in commedia  - (da Petronio Arbitro)  (2006)

Protagonisti  della vicenda, sono tre giovani irrequieti: Encolpio, Ascilto e Gitone, che muovendosi da un'avventura all'altra  si imbattono in una miriade di personaggi. Al terzetto si aggiunge poi Eumolpo, un anziano e corrotto poeta. Encolpio è il protagonista assoluto della storia, e tutti gli altri personaggi ruotano intorno a lui. Egli, per opera di un terribile sortilegio, è perseguitato da una divinità, il salace dio Priapo, ed è costretto a sottoporsi a prove sessuali e ad errare per terre sconosciute per ritornare nelle grazie del dio e ritrovare la sua virilità. Ma altri personaggi, non meno importanti, si muovono sulla scena, tra cui Trimalcione, alla cui famosa cena vengono invitati i protagonisti, e la sacerdotessa Quartilla che con un pretesto cerca  di sedurre i tre giovani. Lo spettacolo si snoda in un continuo rampollare di colpi di scena e in un succedersi di situazioni sempre diverse.

Ø  Processo ad Apuleio mago   - dramma - (dal "De Magia" di Lucio Apuleio)  (2007) 

Nel  158 d.c. a Sabrata si celebra il processo ad Apuleio, accusato, da alcuni parenti della moglie, di averla sposata per carpirle l'ingente patrimonio, ricorrendo a pratiche di magia e stregoneria. L'accusa è gravissima, per lui si profila la pena di morte,  ma Apuleio, da abile oratore, percorre ad una ad una le imputazioni e riesce a dimostrare, con la sua brillante discussione,  che in nessuna di esse poteva trovarsi qualcosa che avesse attinenza con la magia, e da accusato diventa accusatore di una  società di sciocchi e di malviventi.

Ø  Ricordi  di Marco Aurelio. Imperatore filosofo - dramma -

    (da "Colloqui con se stesso" di  Marco Aurelio)  (2008)

Marco Aurelio (121-180 d.c.) visse in un momento particolare nella storia del cristianesimo: il momento in cui quella nuova fede  poteva essere accettata o definitivamente soppressa. La sua presa di posizione, nonostante la pratica filosofica, fu verso il  conservatorismo e la tradizione pagana. L'anno in cui si svolge l'azione drammatica è il 177 D.C., anno in cui fece condannare a morte 48 cristiani di Lugudunum (Lione). Il dramma, largamente tratto dalla sua opera più famosa, i "Colloqui con se stesso",  narra le angosce, i pensieri, il percorso umano e filosofico di un uomo che fu considerato l'ultimo dei filosofi stoici.

Ø  Congiura  di Catilina (La)   - dramma - (2009)

Anno  711 di Roma - 43 a.C. Cicerone è inseguito dagli sgherri di Marco Antonio che vogliono ucciderlo. Mentre aspetta che si plachi il vento e si calmi il mare per salpare verso la salvezza, scrive la sua ultima lettera all'amico Attico a cui confida le sue vicende personali e familiari. Il ricordo va inevitabilmente all'anno del suo maggiore successo politico: la denuncia della famosa  congiura di Catilina durante il suo consolato (63 a.c.), quando lui venne dichiarato a furor di popolo "padre della patria". Lo svolgersi della vicenda drammatica delinea gli eventi che accaddero nei giorni che precedettero la " Prima orazione contro Catilina ", e con essa si conclude. I due protagonisti, Cicerone e Catilina, scandiscono i fatti, le ragioni politiche e sociali che li portarono  al loro personale conflitto: violenza contro pensiero! La congiura quindi si dipana tra spie e attentati, tra delazioni e illusioni.

Ø  La ballata di  Gemma Donati vedova  Alighieri -  monologo drammatico-  (2010)

Vista  dagli occhi della moglie, la figura di Dante Alighieri si umanizza, si avvicina a noi, offrendoci una chiave di lettura  più diretta del suo capolavoro: "il viaggiatore dell'oltretomba" diviene così ognuno di noi che voglia ricercare se stesso.  Gemma Donati ci introduce in quel mondo medioevale delle torri e delle opposte fazioni, presentandoci una vita quotidiana  con dei personaggi indimenticabili come Beatrice Portinari, Corso Donati, Guido Cavalcanti, Bonifacio VIII e tanti altri. In questo clima di lotte e di amori si consuma la vicenda di Dante e di Gemma, la donna che si contrappose all' angelicata Beatrice.

Ø  La sentenza di Marco Aurelio   -  romanzo noir -   (2012)    

Un noir storico ambientato nella Roma imperiale di Marco Aurelio e di Commodo, con un 'indimenticabile protagonista che si erge a difensore dei cristiani.

 

                                                                                                                                  

Ø  Flamencoroc  -  romanzo  ( 2015)

Un giovane  fiorentino, sul finire deglianni '60, decide di fare una vacanza in Spagna, per inseguire il sogno didiventare ballerino di flamenco. E attraverso vicende tragicomiche e avvenimenti particolari, prende fiducia in se stesso e nelle sue capacità di artista e di uomo.    

    Flamencoroc    sceneggiatura  lungometraggio (2016)

Ø  Affetti collaterali  - monologo -   ( 2018)

Ø  Naso freddo (Cold nose)  Racconto breve  - Sceneggiatura  cortometraggio ( 2015)

Ø  Cuori  sdoppiati  - commedia - (2015)

Rita Bianchi una zitella dalla vita scialba e monotona, appassionata di quiz  e soap operas televisive, a quarantacinque anni  è ancora alla ricerca dell'amore. E lo cerca anche chattando su internet. Un giorno suona alla sua porta Chantal, l'amante  segreta del Dott. Bianchi. Dopo un primo momento di imbarazzo, Rita  comincia a far credere alla donna di essere veramente la moglie del Dott. Bianchi.  Inizia così nella sit-com  un gioco di ruolo  e  una girandola di equivoci  creati da  Rita che  cerca  di difendere il suo matrimonio immaginario. Ma l'inquilino del piano di  sopra ha una doppia vita di cui né la vera moglie né Rita  sono a conoscenza........ In questa commedia degli equivoci, costellata di battute folgoranti e dove la risata  è assicurata, nessuno è quello che sembra, e tutti  hanno  un "cuore sdoppiato",  fino al colpo di scena  finale.

 

Maschera Nuda   - corto teatrale - (2018)

Il rapporto tra Luigi Pirandello e la moglie Antonietta Portulano.
 
 

 

  HOLOGRAM           sceneggiatura  lungometraggio (2018)

 

  INATTESA  PRESENZA   sceneggiatura  lungometraggio ( 2017)

 

  Tutti i  testi sono stati messi i scena, pubblicati o realizzati in pellicola.


                                                               

 

 

ANNA  ALEGIANI

ATTRICE - REGISTA

  Ha frequentato i corsi di recitazione presso il teatro “La Scaletta” di Roma sotto la guida di Antonio Pierfederici e Gianni Diotaiuti. Dal 1981 ha partecipato a vari spettacoli come protagonista tra cui:

1981- I Canti di Maldoror    di Lautremont

1982- Quelli delle mezze maniche  di Courteline

1983- Il berretto a sonagli di L.Pirandello

1983- Anna Kuliciov di A. Piccioni

1985- La Lein  di P.Taddei

 

Dal 1990 conduce la compagnia Artemide Verde con la quale ha partecipato da protagonista  ai seguenti spettacoli :

 

1990– Spadaro    di G. Gori  Regia G.Gori

1991– Pinocchio  di Collodi  Regia A. Alegiani

1992– Il servitore di due padroni  di C. Goldoni   Regia G.Gori

1993– Canicola -  Musica di foglie morte     di P.M. Rosso di San Secondo  Regia G.Gori

1994– Pucciniana     di G.Gori   Regia G.Gori

1995-  Paganini/Faust    di  G.Gori   Regia G.Gori

1995-  Aria de Roma  (musical) anche  co- regista  con G. Ragno

1996-  La passione di Gesù    di Jacopone da Todi e altri   Regia A.Alegiani

1997– L’uxoricida     di G. Gori   Regia G.Gori

1998– Giacomo del pensiero   da G. Leopardi   Regia G.Gori

1999– Marionette, che passione!    di P.M. Rosso di San Secondo Regia G.Gori

2000– Verso Damasco ( Till Damaskus)    di A. Strindberg  Regia G.Gori

2000– Christus    da vari autori  Regia A.Alegiani

2000 - Medea nera   di Hans  Henny Jahnn e Anna Alegiani   Regia G.Gori

2000– I Menecmi    di T.M. Plauto  Regia G.Gori

2001– Dialoghi con Michelangelo   da Vasari e De Hollanda  Regia G.Gori

2001-  Anna Magnani   di A. Meffrè  A. Alegiani e G. Gori   Regia G.Gori

2003– Apoteosi di Claudio (Apocolokintosys)   di L.A. Seneca   Regia G.Gori

2004– Rock e i diavoli    di D.Thomas  Regia G.Gori

2005– L’Asino d’oro   di L. Apuleio   Regia G.Gori

2006– Satyricon    di Petronio  Arbiter  Regia G.Gori

2007 –De Magia (Processo ad Apuleio mago)   di Apuleio   Regia G.Gori

2007- Anna Magnani racconta…il varietà    regia G.Gori

2008- Ricordi di Marco Aurelio  regia G.Gori

2009- La congiura di Catilina   regia G. Gori 

2010 – Gemma Donati vedova Alighieri   regia G. Gori 

2011-  La Cortigiana    di P.Aretino   regia G. Gori 

2012-  Sogno (ma forse  no) di L.Pirandello   regia G. Gori 

2012-  Pensiero e delitto   di Leonid  Andreev   regia G. Gori 

2012 - Pirandello mon amour  da L.Pirandello  regia G.Gori

2015 - Cuori sdoppiati  regia G.Gori

2018 - Maschera nuda  regia Giancarlo Gori

 

Ha ideato le Rassegne:

1988 - Confessioni d’autore (rassegna di poesia)

1999-  Miti e Dei

1997-  Medioevalia

2004 –Theatrum al teatro

 

CINEMA:

1989 - Ha prodotto il cortometraggio “ MICROBOX”   regia M. Antonelli

2004 - Il bello delle donne  (Mediaset)

2006 - Carabinieri 6  (Mediaset)

2009 - Preferisco il Paradiso  (Prod. Lux Vide)  RAI

 

PUBBLICITA’:

2001-  Arena  (mare pronto)

 

LABORATORI TEATRALI:

I.C. E.Q.Visconti  - Roma   dal 1997 al  2012

 

OPERE TEATRALI

Ø  Christus.

Ø  Donne  di cuori.

Ø  Estasi  e passione di Maria. (da M. Maddalena dei Pazzi, Jacopone da Todi)

 

Ø  In  scena finalmente...!

 

Ø  Infinito  presente (L'). (coautore Giancarlo Gori) - teatro documento -

Sono  trattati gli ultimi giorni di vita del Leopardi, attraverso tutte le sue opere,
in chiave diversa, perché il poeta è visto nel suo rapporto con i giovani.

Ø  Mary  Poppins e Peter Pan nel Paese che non c'è.

Ø  Medea  nera. (liberamente ispirato alla "Medea" di Euripide e a quella di Hans Henny Jahnn) - tragedia -

L'azione si svolge in due luoghi: una villa coloniale americana e l'atrio della casa di
Giasone a Corinto. L'idea di partenza è la Medea di Hans Henny Jahnn che per la
prima volta introduce il tema del razzismo e Medea diventa, deliberatamente,
una donna di colore. Medea è respinta perché nera, i suoi figli sono scacciati
e offesi perché mulatti. Lo svolgersi speculare del medesimo dramma, permette
una visione del mito di Medea non più fissato in un tempo e in un luogo
definito, ma assume le ideologie e il linguaggio del divenire umano, arrivando
ad essere a noi contemporaneo.

Ø  Nel  bosco della memoria.

Ø  Paganini  Faust Burlesque ovvero Il violino del diavolo. (coautore Giancarlo Gori) -  dramma -

In questo spettacolo, partendo dalle leggende e dicerie intorno alla figura del diabolico musicista,

Niccolò Paganini è immaginato come il Faust della musica, che ha venduto la sua anima a
Mefistofele per poter possedere, con il famoso violino, anche tutti i suoni
dell'universo. Ma il patto stipulato con Mefistofele, dopo tanti anni, sta per
essere infranto, poiché l'anima del maestro, ormai stanco e malato, dopo una
vita spesa ad inseguire amori, successi e denaro, ha cominciato a cedere a
quelli che sono i richiami dei sentimenti veri e delle opere per il bene
altrui. Mefistofele è venuto a riprendersi ciò che è suo: e se non sarà
l'anima, si accontenterà anche del violino.

Ø  Rappresentazione  della Passione. (da Iacopone da Todi e Castellano Castellani)

Ø  Rappresentazione  e resurrezione di Gesù.

Ø  Viva  il teatro!